gli Starburst sono vegani?

Starburst (una volta conosciuto come frutta opale) sono caramelle morbide al caramello a forma di cubo, dal sapore fruttato, prodotte dalla Wrigley Company (la gomma da masticare società). Il starburst Frutta masticare può essere vegan dolce a seconda del paese in cui si acquista. Il prodotto starburst è fatto in modo diverso nei diversi paesi.

Sono sia vegani che non vegani, questo fattore dipende interamente da dove vivi e da dove prendi il tuo Starburst.

Negli Stati Uniti d’America, Starburst non è vegano perché contiene un ingrediente che non è estremamente vegano, la gelatina.

Tuttavia, nel Regno Unito, Starburst è vegano, e sia la confezione che il sito web lo indicano.

Gli originali frutti/starburst di opale sono emersi per la prima volta nel Regno Unito nel 1960 e sono arrivati oltreoceano negli Stati Uniti nel 1967, poco dopo.

Allora perché sono vegani in un posto ma non in un altro, come si può essere sicuri, e cosa succede esattamente in uno starburst?

E, non dimenticate la grande domanda, come mai i diversi ingredienti variano nei diversi paesi, c’è una ragione per questo o è semplicemente la scelta del produttore?

Risponderemo a tutte queste domande guardando gli ingredienti vegani e non vegani, gli ingredienti contestati e cosa è esattamente una caramella Starburst.

cos’è lo Starburst?

Negli Stati Uniti d’America, è possibile trovare una varietà di caramelle Starburst, comprese le caramelle Starburst e le gelatine Starburst.

Entrambi sono molto simili negli ingredienti. Starburst ha una lista generale di ingredienti che costituisce la maggior parte dei suoi prodotti.

Questi ingredienti generali sono;

  • Succo aromatizzato da concentrato (arancia, limone, mela, ecc.)
  • Sciroppo di mais.
  • Zucchero.
  • Olio di palma.
  • Aromi artificiali.
  • colori artificiali (comunemente blu 1, giallo 5, giallo 6 e rosso 40).

A seconda del gusto e del luogo di produzione dello Starburst, gli ingredienti variano.

Tuttavia, se Starburst coinvolgesse solo gli ingredienti elencati sopra, sarebbe vegano di default.

Ma, purtroppo, negli Stati Uniti, questo è ben lontano dall’essere il caso. Includono un ingrediente chiamato gelatina nei loro dolci.

Le gelatine non contengono gelatina, ma contengono qualcos’altro chiamato ‘glassa pasticcera’.

Negli Stati Uniti, è possibile controllare gli ingredienti sulla confezione, questi saranno indicati come;

Sciroppo di mais, olio di palmisti idrogenato, succo di frutta da concentrato (mela, limone, fragola, arancia, ciliegia).

Meno del 2%: acido citrico, destrina di tapioca, gelatina, amido di mais modificato, aromi naturali e artificiali, acido ascorbico (vitamina C), coloranti (rosso 40, giallo 5, giallo 6, blu 1).

L’inclusione della gelatina è un grosso problema per i vegani, poiché è fatta da un contenuto disapprovato dai vegani, diamo un’occhiata al perché è così.

cos’è la gelatina?

La gelatina è un ingrediente alimentare incolore, inodore e insapore usato per legare gli ingredienti dei dolci.

Il ruolo di questo è semplicemente quello di tenere gli ingredienti in posizione e dare una consistenza morbida, gommosa e masticabile che tutti amiamo in questi dolci.

Gli ingredienti che compongono questa sostanza sono abbastanza disgustosi, per non dire altro, e non c’è da meravigliarsi che i vegani e forse molte altre persone ne stiano alla larga.

La gelatina richiede varie parti del corpo animale per produrre questa sostanza, di solito da una carcassa di maiale o di mucca. Questo viene fatto bollendo la pelle, le ossa, i legamenti e i tendini in acqua.

Queste parti sono trattate fino a produrre collagene e poi raffinato e quindi indurito in uno stato solido che riconosciamo come parte del nostro cibo, che è spesso usato in dolci morbidi come Starburst e anche in cose come Jell-O.

Anche se ci sono molti sostituti vegani a base vegetale che sono un’alternativa più sana e molto più rispettosa degli animali alla gelatina.

Questo include l'”agar-agar”, che a volte è commercializzato come gelatina, ma è in realtà a base vegetale.

I produttori di Starburst negli Stati Uniti preferiscono usare il sottoprodotto della gelatina a base di carne e animali. E nessuno sembra sapere esattamente perché.

Ingredienti discutibili per i vegani.

Zucchero

cosa sono i dolci senza le loro quantità scandalose di zucchero? Lo zucchero non è la sostanza più sana, ma il nostro corpo lo richiede, o almeno richiede zuccheri naturali.

Lo zucchero, tuttavia, è oggetto di dibattito tra i vegani.

La questione è molto dibattuta e, anche se lo zucchero non è intrinsecamente non vegano, il processo di raffinazione della canna da zucchero è il problema che fa dubitare i vegani se sia davvero giusto consumarlo.

Lo zucchero di canna è raffinato e lavorato con ossa carbonizzate. Anche se non contiene di per sé carbone d’ossa, è questo metodo di lavorazione che lo rende una questione discutibile su cui molti vegani non sono ancora del tutto sicuri.

Aromi

Gli aromi naturali sono il luogo in cui si svolge la controversia sugli aromi. Dove gli aromi artificiali tendono ad essere meno preferiti, gli aromi naturali possono provenire da fonti vegetali o animali. Ma questi, almeno negli starburst, provengono generalmente dalle piante. Se gli aromi sono di origine animale, di solito sono indicati sulla confezione in modo che i vegani e i vegetariani siano consapevoli del contenuto.

coloranti alimentari

Si parla di coloranti alimentari, questi non sono di origine animale, ma questi coloranti possono spesso essere testati sugli animali.

Tuttavia, questa questione nel suo complesso, i test sugli animali, è oggetto di dibattito, alcuni vegani useranno solo prodotti che non sono stati testati sugli animali, mentre altri potrebbero non essere così specifici nelle loro scelte.

Questo è simile ai test sugli animali per i coloranti alimentari. Vale la pena notare che molti produttori di coloranti alimentari non testano più sugli animali, quindi è meno preoccupante oggi che in passato.

Oli di palma

Ora veniamo all’argomento più discusso tra i vegani, così come i vegetariani e chiunque sia a favore della conservazione dell’ambiente.

Gli oli di palma non sono fatti con parti animali e non sono testati sugli animali.

Tuttavia, sono in realtà fatti in un modo che ha un effetto dannoso per l’ambiente, causando la mancanza di casa e la morte di molti animali.

Ci sono molte misure per evitare che la produzione di olio di palma sia così dannosa per l’ambiente e molte aziende sono passate dall’olio di palma ad altre alternative.

Questa sostanza non è tanto un dibattito tra i soli vegani, ma un dibattito tra molti che cercano la conservazione e la sostenibilità ambientale.

e le gelatine Starburst?

È probabilmente abbastanza sicuro dire che i Jelly Beans sono uno dei dolci più amati e popolari in tutto il mondo.

E anche Starburst è uno dei maggiori produttori di questi. Ma, sfortunatamente, anche questi non sono vegani.

Anche se le Starburst Jelly Beans non sono vegane, questo non è dovuto alla gelatina, c’è un altro colpevole in gioco in questi dolci.

Abbiamo menzionato prima questo colpevole: la glassa di pasticceria. Questa glassa è forse ancora più disgustosa degli ingredienti che compongono la gelatina.

La glassa di pasticceria contiene una sostanza che la rende ostile ai vegani e probabilmente a molti altri se sapessero cos’è veramente.

GUM LACA

La gommalacca è l’ingrediente che rende i Jelly Beans immangiabili per i vegani.

Si tratta di una sostanza che è anche conosciuta come “succo di scarafaggio”, questo è usato dai produttori per produrre una finitura lucida, che una volta rende i Jelly Beans così affascinanti e succosi. Cosa c’è di così disgustoso in questo?

Beh, è piuttosto sgradevole, essendo conosciuto come “succo di scarafaggio” in senso abbastanza letterale. Anche se non è il succo della spremitura di uno scarabeo, è fatto dalle secrezioni degli insetti.

È una resina secreta dalla femmina della cimice di lac sugli alberi nelle foreste dell’India e della Thailandia. Viene lavorato e venduto sotto forma di fiocchi essiccati, poi sciolto in alcool che lo trasformerà in una sostanza liquida.

Ciò che è forse ancora più strano è che questa sostanza viene usata anche come pennello colorante per smalti e finiture del legno, e noi la mangiamo!

come posso avere uno Starburst vegano?

Se vuoi davvero ottenere lo starburst vegano, allora dovrai probabilmente andare online e cercare su internet per comprare a livello internazionale dal Regno Unito.

Questo può essere fatto facilmente attraverso Amazon o venditori privati online e alcuni negozi online possono anche fare scatole regalo di dolci inglesi e opzioni vegane.

Se decidete di comprare online, fate attenzione all’imballaggio. La confezione del vostro negozio locale sarà etichettata e vi dirà chiaramente se è vegana o no.

Tuttavia, può essere più difficile saperlo quando si acquista online da negozi come Amazon.

starburst è senza latte?

Fortunatamente, la gelatina è l’unico sottoprodotto animale, componente non vegano. È completamente senza latticini, senza latte né uova.

Non ci sono anche avvertenze sulla confezione, quindi è molto probabile che usino una sola macchina solo per fare e produrre questi dolci, a differenza di alcune aziende che usano una macchina per più scopi e corrono il rischio di contaminazione incrociata degli alimenti.

Pertanto, si può essere sicuri che gli Starburst non sono stati vicini a nessun prodotto lattiero-caseario e non ne contengono neanche uno.

dovrei comprare degli Starburst?

La Wrigley Company, che produce starburst, è una filiale della Mars Company.

Non è sconosciuto che entrambe le aziende producono e traggono profitto dalla produzione e dalla vendita di prodotti lattiero-caseari.

Questo significa che essi, a loro volta, contribuiscono attivamente all’inquinamento causato dagli allevamenti di mucche da latte, alla distruzione causata da questo tipo di agricoltura e alla crudeltà sugli animali che essa provoca.

E così, non è raro che alcuni vegani boicottino del tutto questi tipi di aziende, o che smettano “accidentalmente” di consumare i prodotti vegani venduti da queste aziende.

Poiché il timore è che i profitti ottenuti da queste vendite tornino semplicemente nella produzione di prodotti non vegani.

e perché lo vorresti?

Bene, ci sono alcuni attivisti vegani che spiegano giustamente perché si dovrebbe investire in prodotti vegani realizzati da queste aziende.

È simile in qualche modo a fare benzina da una stazione di servizio che vende hot dog o tacos, i vostri soldi per la benzina li aiuteranno a continuare a produrre snack non vegani e cibo spazzatura.

Ed è anche molto simile alla spesa, anche se pochi negozi di alimentari sono solo vegani, la maggior parte delle persone dovrà fare la spesa in un negozio che vende prodotti vegani e non vegani, quindi fare comunque la spesa lì.

La logica di questo argomento è che se compri prodotti vegani da aziende non vegane, allora gli farai sapere che stai vendendo.

Più vegani comprate da questi posti, più le vostre vendite di prodotti vegani aumenteranno.

A sua volta, questo farà capire all’azienda che i prodotti vegani sono finanziariamente lucrativi quanto le loro opzioni non vegane e, di conseguenza, potranno produrre più prodotti vegani.

È una scelta personale se investire o meno i propri soldi nell’acquisto da un’azienda come Wrigley che produce anche alimenti non vegani, ma può essere utile farlo perché, di conseguenza, più opzioni vegane possono diventare disponibili e possono anche sostituire le opzioni non vegane.

Starburst e veganismo in generale.

Mentre essere vegani è benefico per la salute, l’ambiente e altro, può essere un po’ noioso cercare di trovare dolci, cibi spazzatura e snack che si possono mangiare.

Per non parlare di quando ti vengono quelle voglie di uno snack che avevi prima dei tuoi giorni vegani e ti rendi conto che non puoi mangiarlo.

Per fortuna, se avete voglia di Starburst, potete procurarveli vegani, anche se se vivete fuori dal Regno Unito è un po’ più difficile e comporterà un po’ di shopping su internet e un’intensa lettura delle etichette, ne varrà la pena.

Speriamo che Starburst e Wrigley trasferiscano il loro Starburst vegano negli Stati Uniti e in altri paesi.

È un peccato che così tanti meravigliosi dolci non siano ancora vegani, ma siamo sicuri che se abbastanza persone continuano a comprarli, presto saranno ovunque e potrai avere tutti i tuoi dolci preferiti dell’infanzia nel tuo negozio locale con facilità.

Non dimenticare di informarti sugli ingredienti che potrebbero non essere adatti ai vegani nei prodotti; pensa alla gelatina e alla gommalacca e ricordati di riconoscerli quando controlli le etichette, specialmente sui dolci.

Domande frequenti

gli Starburst hanno la gelatina dentro?

Negli Stati Uniti, gli Starburst contengono gelatina, quindi non sono vegani. Nel Regno Unito, gli Starburst non contengono gelatina – dipende solo da dove compri i tuoi Starburst!

La gelatina è un ingrediente insapore e incolore usato come agente legante per i dolci, dando ai dolci quella caratteristica consistenza dura e gommosa.

La gelatina è fatta da sottoprodotti animali, tra cui ossa di maiale e mucca, pelle, cuoio e altro.

Queste parti animali sono bollite in uno stato di collagene indurito che crea una consistenza indurita che si trova comunemente in Jell-O e Starbursts.

È un ingrediente di riempimento che non è del tutto necessario nei dolci o negli alimenti, ma viene comunque utilizzato.

Poiché la gelatina è un prodotto di origine animale, sia i vegetariani che i vegani evitano gli alimenti contenenti gelatina.

Nel Regno Unito, è dichiarato sulla confezione e sul sito web che gli Starburst non contengono gelatina e sono adatti ai vegetariani.

Tuttavia, gli Starburst americani contengono gelatina e lo confermano sulla confezione e sul loro sito web.

i Mini Starburst sono vegani?

Sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito, gli Starburst Minis non contengono gelatina. Tuttavia, la lista degli ingredienti negli Stati Uniti contiene un ingrediente che non è adatto ai vegani: la glassa pasticcera.

Confectioner’s Glaze è un nome di copertura carino per Shellac, che è anche conosciuto come “succo di scarabeo”. Questo ingrediente è fatto dalla secrezione di insetti, in particolare cimici femmine di letto dalla Thailandia e dall’India.

La ragione per cui caramelle come Starburst Minis e Jelly Beans usano Confectioner’s Glaze è per la caratteristica finitura lucida che rende le caramelle così intriganti, ma non per tutti i vegani.

Naturalmente, nessuno è obbligato a denunciare Starburst Minis se si sente a suo agio nel consumare Confectioner’s Glaze.

Tuttavia, la maggior parte dei vegani sarebbe d’accordo che il sottoprodotto degli insetti rende gli Starburst Minis non vegani.

Tuttavia, gli Starburst Minis nel Regno Unito non contengono Confectioner’s Glaze, il che rende questi dolci adatti ai vegani. In breve, la versione britannica è vegana, mentre quella statunitense no.

You may also be interested in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to up