Skip to content

Quanto dura il pane?

Dal momento che i conservanti giocano un ruolo importante nella risposta della shelf-life del pane, la risposta varia da pochi giorni a diverse settimane o più. La durata di conservazione del pane dipende da diversi fattori, come la data di scadenza, il metodo di preparazione e il metodo di conservazione.

Il pane è fatto con farina, acqua e lievito. A causa del suo costo relativamente basso e dell’alta densità calorica, il pane è uno degli alimenti di base più popolari al mondo. È così versatile che può essere preparato e venduto in varietà di qualsiasi forma o dimensione.

Allora, quanto dura il pane? Se conservato correttamente, la durata di conservazione del pane oltre la data di scadenza è di circa..

Aperto / ChiusoDispensaFrigoCongelatore
Dopo la data di scadenzaDopo la data di scadenzaDopo la data di scadenza
Pane da forno2-3 giorniNon raccomandato6 mesi
Rotoli morbidi confezionati5-7 giorni7-14 giorni6 mesi
Panini da forno2-3 giorniNon raccomandato6 mesi
Pane morbido confezionato5-7 giorniNon raccomandato6 mesi
Pasta per biscotti2 ore1-2 settimaneNon raccomandato
Pasta per biscotti congelata1 giorno2-3 giorni1 anno
Toast francese2 ore5-7 giorni6-8 mesi
Crostini5-6 mesiNon raccomandatoNon raccomandato
Pangrattato5-6 mesiNon raccomandatoNon raccomandato

Naturalmente, tutti gli alimenti durano meno tempo se non sono conservati correttamente. Ricordate che il pane, come molti altri cereali, ha generalmente una data di scadenza, non una data di scadenza. Grazie a questa distinzione, potete tranquillamente usare i pani per integrare i vostri alimenti preferiti anche dopo che la data di scadenza è passata.

Come si fa a sapere se il pane è cattivo, marcio o rovinato?

Praticare una corretta igiene alimentare e tecniche di sicurezza aiuterà a prevenire le malattie di origine alimentare.

Anche se non è un test perfetto, i tuoi sensi sono spesso gli strumenti più affidabili per dire se il tuo prodotto è andato a male. Alcuni tratti comuni del pane cattivo sono la muffa, che spesso si può annusare prima di vederla (ma non annusatela – non volete spore di muffa nel vostro naso! La muffa del pane può essere di tutti i colori, compreso il bianco, che deve essere osservato da vicino per differenziarlo dalla farina. Se una fetta di pane è ammuffita, non è una buona idea mangiare un’altra fetta dello stesso pane – buttate via l’intera pagnotta.

Una consistenza dura e secca significa che il pane è raffermo, ma può ancora essere usato come pangrattato o crostini se non c’è muffa, ovviamente. Poiché il pangrattato e i crostini sono secchi, se mantenuti asciutti, possono godere di una lunga vita perché la muffa ha bisogno di umidità per crescere. Ma se il pangrattato è andato a male, vedi la nostra pagina di sostituzione del pangrattato per le alternative adatte.

Il problema con i biscotti e i panini refrigerati, quelli che si comprano in tubi nella sezione refrigerata del negozio, è che gli oli cominciano ad irrancidire poche settimane dopo la data di scadenza. Ci sarà un odore sgradevole quando il tubo si rompe e il colore della massa sarà leggermente più scuro dell’originale. Anche il sapore ne risente, quindi non accendete il forno se notate che il vostro impasto ha cominciato ad andare a male.

Naturalmente, ci sono alcuni rischi per la salute associati al cibo avariato, quindi ricordatevi sempre di praticare la sicurezza alimentare e di godervi il vostro cibo prima che la sua durata di conservazione sia scaduta.

Come conservare il pane per prolungare o estendere la sua durata?

Si può aiutare a mantenere fresco il pane appena sfornato conservandolo in un sacchetto di carta. I sacchetti di carta sono migliori di quelli di plastica perché la carta permette al pane di respirare e previene l’accumulo di umidità e muffa – ma si asciugherà molto più velocemente.

È meglio conservare il pane a fette nel sacchetto di plastica in cui è contenuto per mantenerlo fresco. Il pane può essere conservato in frigorifero, ma questo non è raccomandato perché si asciuga molto più velocemente.

Il congelamento è un’opzione migliore a lungo termine, puoi congelare il tuo pane preservandone il sapore e la consistenza se usi un contenitore ermetico per il congelatore (o il sacchetto di plastica in cui viene fornito con una chiusura a zip). Il cibo si congela indefinitamente, ma la qualità diminuisce dopo i tempi indicati nella tabella.

Se trovi che il tuo pane si sta indurendo (ma non ammuffisce) guarda la nostra pagina su cosa fare con il pane raffermo. E se hai finito il burro, sai che non c’è niente di meglio con il pane, ma dai un’occhiata ai nostri suggerimenti per i sostituti del burro.

Alcuni dei benefici di una corretta conservazione del cibo includono un’alimentazione più sana, la riduzione dei costi alimentari e l’aiuto all’ambiente evitando gli sprechi.

Fatti interessanti sul pane:

  • Spezzare il pane è un segno universale di pace.
  • I colori delle panetterie codificano le loro legature il giorno in cui il pane viene confezionato. Viene poi consegnato ai negozi tutti i giorni tranne il mercoledì e la domenica. Le principali panetterie usano il seguente codice:
  • Lunedì = blu
  • Martedì = Verde
  • Giovedì = Rosso
  • Venerdì = bianco
  • Sabato = Giallo